Instagram

La risposta da Instragram non aveva codice 200.

Follow!

Tag

Archivi

Il Sushi (寿司) è sicuramente la specialità più famosa al mondo proveniente dal Giappone, ma la cucina del sol levante offre molte altre pietanze meno conosciute che voglio provare a farvi conoscere in questo articolo.
Dopo l’esplosione degli All You Can Eat (e sono sicuro che tutti noi abbiamo l’amico che ci dice “no ma questo è buono…“), negli ultimi anni abbiamo iniziato a veder nascere un sacco di ristoranti che offrono Ramen (ラーメン).
Se volete provare della vera cucina giapponese e le più svariate pietanze, vi consiglio alcuni tra i miei posti preferiti a Milano:

 

FUKUROU – Ramen, Sukiyaki

Via Antonio Tolomeo Trivulzio 16 – Pagina Ufficiale di Facebook

Avendo vissuto a Fukuoka, dove si dice che ci sia il Ramen più buono di tutto il Giappone (per fare un semplice paragone Fukuoka sta al ramen come Napoli sta alla pizza), ho adorato l’Hakata Ramen, cioè la variante Tonkotsu di questo piatto: come particolarità ha un brodo molto corposo e saporito, ricavato dalle ossa del maiale.
Quando sono tornato in Italia ero disperato all’idea di non poterlo più mangiare se non tornando in Giappone, ma per fortuna sono stato smentito! Per quanto mi riguarda, il miglior Ramen, ideale durante l’inverno per scaldarsi dal rigido freddo milanese, lo si trova qua; sfortunatamente da un po’ di mesi a questa parte lo si può ordinare solamente alla sera.
Ovviamente anche il resto del menu è di altissimo livello, dal sushi a cose più particolari e ricercate.
Mi piacciono molto anche gli interni del locale che ricordano gli Izakaya giapponesi, con i separè tra i vari tavoli, e la possibilità di mangiare al bancone con vista sullo chef che prepara i piatti con un’arte sopraffina.
La presenza di personale e clienti giapponesi è il primo ottimo segnale che si percepisce non appena si varca l’ingresso, semi-nascosto dal Noren (il tradizionale divisorio in tessuto posto all’entrata), anch’essa una piccola chicca che richiama i ristoranti del Giappone.


MAIDO – Okonomiyaki

Via Savona 15 – Sito Web

Maido è un piccolo ristorantino di street food dove si può provare una pietanza insolita: l’Okonomiyaki (お好み焼き, letteralmente okonomi = ciò che vuoi, yaki = alla griglia), anche chiamata “Pizza Giapponese“.
Questo piatto e la sua ricetta è contesa tra due città: Osaka ed Hiroshima.
Si tratta di una “frittata” la cui base viene preparata con farina, verza e uova, cucinata poi su un’apposita piastra chiamata Teppan; vengono poi aggiunti diversi ingredienti come carne o gamberetti, maionese giapponese, fiocchi di alghe verdi, katsuobushi (scaglie di bonito essiccato) e una speciale salsa okonomi.
Ad Hiroshima viene preparato in maniera leggermente diversa: si aggiunge una quantità molto maggiore di verza e germogli di soia, e spesso viene ultimato con l’aggiunta di yakisoba e uova strapazzate, cucinate sulla stessa piastra.
Da Maido inoltre è possibile provare gli Yakisoba, spaghetti di grano saraceno saltati con verdure, ed il Rice Burger, dove al posto del pane è presente del riso compresso.


GASTRONOMIA YAMAMOTO – Tonkatsu, Curry Rice, Onigiri

Via Amedei 5Pagina Ufficiale di Facebook

Era da tempo che volevo provare questo ristorante, avendone sentito parlare molto bene da diversi amici, per un motivo molto specifico: il Tonkatsu (トンカツ).
Forse a causa delle mie origini milanesi, adoro questa cotoletta di maiale alta 1-2 centimetri, impanata col panko (un particolare tipo di pangrattato) e fritta in abbondante olio.
Chi mi ha parlato di questo ristorante mi ha avvisato: “recati sul posto abbastanza presto, perchè va letteralmente a ruba“.
Infatti alle 12.30, appena il ristorante ha aperto, c’erano già diverse persone in attesa di entrare e nel giro di pochi minuti il locale si è riempito.
Ho così potuto ordinare l’agognato Tonkatsu, anche se speravo di poterlo ordinare nella variante Katsudon, dove la cotoletta viene servita in una ciotola piena di riso e ricoperta da un uovo, mentre invece viene servito all’interno di un sandwich (Katsu Sando), una variante di questo piatto che preferisco un po’ meno.
Gastronomia Yamamoto è uno dei pochi ristoranti dove viene servito il Washoku, la cucina tradizionale del Giappone riconosciuta dall’Unesco come patrimonio dell’umanità: oltre al mio piatto preferito infatti si possono ordinare tutti quei piatti fatti in casa dalle nonne giapponesi, come il Ka-ree (riso con salsa curry), il Teriyaki di pollo o gli Onigiri.
Per i più frettolosi è possibile comporre la propria personale Bento Box (la schiscetta giapponese!) da portar via o da mangiare stando seduti ai tavoli.
Il locale rispecchia lo stile e l’essenzialità giapponese: un menu ricavato da pagine di vecchie riviste, arredi in legno e colori tenui.


MUSUBI – Onigiri, Donburi, Bento Box

Via Santa Radegonda 16 – Sito Web

Se vi capita di fare un giro in Piazza Duomo, vicino al famosissimo Luini, possiamo trovare questo take away dove è possibile gustare alcuni piatti autentici della cucina giapponese.
Il locale è molto piccolo ed ideale per un pranzo veloce, non ci sono posti a sedere e si può ordinare, molto velocemente, leggendo il menu sulla parete frontale sopra al bancone.
Mi è capitato spesso di prendere un Domburi, una ciotola di riso con diversi condimenti, oppure fare merenda con un Onigiri.
Tutti i piatti vengono preparati al momento.


OSAKA – Ramen, Sukiyaki, Nabe, Kaiseki

Corso Garibaldi 68 – Sito Web

Il ristorante Osaka è uno dei primi ad aver servito autentica cucina giapponese a Milano.
Attivo fin dal 1999 penso che rappresenti la quintessenza dello spirito giapponese a partire dalla location: pur trovandosi in Corso Garibaldi, in piena movida milanese, l’ingresso al ristorante è nascosto in fondo ad un tunnel laterale e, se non lo si conosce, probabilmente non viene nemmeno notato da un semplice passante.
Onestamente non vado molto spesso perchè è abbastanza costoso, soprattutto all’ora di cena, e lo considero più un ristorante “premio” quando voglio festeggiare un’occasione speciale, ma a pranzo è possibile sfruttare il menu fisso non spendendo troppo.
Per quanto riguarda le pietanze che si possono provare, credo che sia uno dei ristorante col il menu più completo: Ramen (il Tonkotsu in quanto a bontà del brodo compete per il primo posto assieme a quello del Fukurou), Sukiyaki, Sushi, Nabe, cucina Kaiseki.
Qui ho avuto anche la fortuna di cenare la sera del 1° gennaio con un menu molto speciale, chiamato Osechi, tradizionale e curato nei minimi dettagli: 20 piccoli antipasti (Iwaizakana), uno stufato (Takiawase), una zuppa tipica di capodanno (Zouni), per finire con una ciotola di riso ricoperto da pezzi di sashimi (Hana Chirashi) e un particolare sake (Toso) che viene bevuto per allontanare gli acciacchi e gli spiriti malvagi dell’anno precedente e aspirare a una lunga e sana vita futura.
Semplicemente entrare in questo posto equivale a fare un tuffo nel Giappone autentico e dimenticarsi della vita frenetica di Milano per qualche ora.


SAKEYA – Sake, Shochu, Whisky giapponesi

Via Cesare da Sesto 1Sito Web

Una sera stavo salutando una mia cara amica Giapponese che ritornava a vivere a Tokyo, dopo aver studiato per qualche anno qui a Milano.
A questa festa partecipavano molti ragazzi giapponesi e, parlando con uno di loro (stupitosi del fatto che sapessi parlare un po’ di Giapponese), ho appreso che stava per aprire un nuovo locale specializzato in Sake (o meglio, Nihonshu!).
La Sakeya è subito diventato uno dei miei posti preferiti dove passare le serate intime: qui infatti si possono trovare molte etichette di Sake, servite da sommelier gentilissimi che vi spiegheranno le particolarità ed i diversi sapori, e vi suggeriranno come abbinarli a piccole portate che si possono ordinare, come tartare di salmone, spiedini o dolci.
Oltre ai Sake si possono provare Shochu e Awamori, whisky, distillati e birre artigianali giapponesi (oltre 150 etichette recita il loro sito web).
Vi suggerisco di provare i cocktails a base di Sake, leggermente costosi rispetto alla media di un pub milanese, molto particolari e a volte anche scenografici!
Consiglio inoltre di provare assolutamente il brunch domenicale, che per soli 35 euro vi consentirà di mangiare vari antipasti, una portata principale con sake abbinato e un dolce.
Il locale ha una bella atmosfera rilassata, con tantissimi dettagli curati, un piccolo bancone che affaccia sul piano di lavoro dove vengono preparati i cocktails e una parete illuminata piena di bottiglie.


Questo articolo non è stato sponsorizzato in alcuna maniera dai ristoranti citati ed è frutto solamente della mia esperienza diretta; le immagini che non sono state realizzate da me sono state prese dal sito internet/pagina facebook del ristorante e qualora violassero le leggi del copyright e qualcuno volesse rimuoverle da questa pagina può scrivermi utilizzando il form di contatto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram

La risposta da Instragram non aveva codice 200.

Follow!

Copyright © Andrea Balzano 2019 • All rights reserved.